Sei in: Home Vegetali Aglio rosso di Proceno
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Tuscia in Tavola

Ricette, curiosità, tradizioni gastronomiche

arte in cucina

Aglio rosso di Proceno

E-mail

L'Aglio Rosso di Proceno è un ortaggio destinato al consumo fresco ed è coltivato all'interno del Comune omonimo ed in una ristretta area del Comune di Acquapendente. L’Aglio Rosso di Proceno si è conquistato a livello nazionale, rispetto a quello tradizionale, una buona fama presso i consumatori per le sue caratteristiche organolettiche (sapore intenso e gradevole, aroma pronunciato). La sua coltivazione risale a tempi antichissimi, dal momento che l’aglio, conosciuto e usato da più di 4000 anni, era molto diffuso anche presso i Romani che lo somministravano ai soldati, ai marinai e agli atleti perché si riteneva aumentasse la forza, la resistenza, l'energia fisica ed il coraggio. Nel Medio Evo, poi, l’aglio conosce una nuova stagione favorevole poiché viene considerato importante dal punto di vista terapeutico, proprietà che ancora oggi gli attribuiscono in fitoterapia. La diffusione e le caratteristiche qualitative che rendono peculiare il nostro prodotto dipendono dalla tipologia dei terreni situati a 400-500 metri d'altitudine s.l.m., in un ambiente quindi collinare, caratterizzato da un clima mite di tipo temperato, sublitoraneo. La semina è eseguita a mano o a macchina utilizzando seminatrici opportunamente predisposte e sono ammesse solo concimazioni chimiche localizzate in fase di semina; il controllo chimico delle piante infestanti può essere effettuato con il diserbo o in alternativa eseguendo interventi di sarchiatura nelle interfila e di zappettature lungo le file. Allo scopo di garantire caratteristiche qualitative ottimali dell'aglio prodotto, viene eseguita, nel periodo maggio/giugno, l'eliminazione degli scapi fiorali (starlatura).

La raccolta è effettuata manualmente o con macchine agevolatrici ed è normalmente compito del produttore procedere ad un corretto essiccamento dei bulbi ed alla successiva caratteristica lavorazione in reste. Il prodotto si presenta come bulbo di medie dimensioni con bulbilli corti e tozzi e tunica con un caratteristico colore rosso. Ha un sapore forte, un profumo molto intenso e persistente e vanta buona digeribilità oltre ad una grande attitudine alla conservazione. Questa ultima peculiarità ha contribuito non poco alla diffusione e all'apprezzamento di questo aglio sui mercati. Ancora oggi, data la carenza di idonee celle frigorifere atte alla conservazione, si confeziona esclusivamente in trecce, chiamate anche “reste”. Nel Piano di Sviluppo Regionale del Lazio per il periodo 2000/2006 l'Aglio Rosso di Proceno è stato inserito tra le biodiversità da tutelare perché minacciato di erosione genetica e pertanto sono stati previsti incentivi per consolidare ed incrementare tale produzione.

 

Advertisement

Vi invitiamo a visitare:
media & sipario
Il salotto buono dell'informazione
TUSCIAMEDIA
Quotidiano della provincia di Viterbo
azione digitale
comunicazione e servizi it