Sei in: Home Salumi Salamini alla cacciatora Dop
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Tuscia in Tavola

Ricette, curiosità, tradizioni gastronomiche

arte in cucina

Salamini alla cacciatora Dop

E-mail

I Cacciatorini (cos si chiamano i mini-salami stagionati) sono i pi gettonati quando si deve improvvisare un cena invernale con gli amici intorno al ficoco o confezionare un paniere per la gita fzaori porta..Non sono ingombranti e si possono affittare con un coltello tascabile. Lo sanno bene i cacciatori (da qui il termine) quando preparano la loro bisaccia per la colazione al sacco. Li troviamo anche nel tascapane dei butteri della Maremma impegnati com'erano a governare buoi e cavalli in zone impervie e paludose. La regione di origine di questo salamino sembrerebbe la Lombardia. Per questo possiamo inarnagiraare che ne facessero uso i popoli del nord, come i longobardi cui si deve la loro introduzione in Italia durante le invasioni barbariche. Ecerto comunque che il consumo interessa i mesi invernali e i paesi a clima fresco, tanto vero che l'area di produzione si concentra nelle regioni del centro-nord, tra cui il Lazio. Il 'cacciatorino " ha il merito di essere saporito ed avere un pro fumo accattivante. A volte viene condito con il peperoncino; in tal caso presenta un colore rosso pi acceso. Risalenti al periodo delle invasioni longobarde, il loro nome deriva dall'usanza rurale dei cacciatori che, durante le loro escursioni, portavano agevolmente nella bisaccia questi salumi di piccolo taglio. Il territorio di origine della produzione quello lombardo, dal quale si poi diffusa nelle aree limitrofe. La componente principale del salamino alla cacciatora la carne magra, di suino macinata in maniera uniforme ed omogenea alla quale vengono 1 aggiunti grasso di suino duro, aglio, sale e pepe macinato o in grani. La procedura di lavorazione pu comprendere anche l'aggiunta di altri componenti tra i quali vino, zuccheri (destrosio, lattosio,fruttosio) latte (magro o in polvere) o caseinati. L'insaccatura viene effettuata con budelli naturali o artificiali di diametro non superiore a 75 mm e di lunghezza non superiore a 350 mm. Successivamente viene effettuata una breve stagionatura (15-20 giorni), il breve lasso di tempo di questa fase direttamente legato alle ridotte dimensioni del prodotto. Nonostante la breve stagionatura, il salamino alla cacciatora pu anche essere conservato in luoghi freschi ed asciutti o, per un periodo pi lungo, in frigorifero senza che ci comporti un decadimento delle caratteristiche qualit. Il salamino si presenta compatto al taglio, di colore rosso acceso rubino, profumo gradevole, gusto deciso e saporito. La piccola pezzatura rende questi salumi particolarmente adatti ad una alimentazione moderna e versatile, garantendo un prodotto sempre fresco e veloce da consumare. Ottimi nella preparazione di antipasti, abbinati a formaggi e a vini rossi.
Il prodotto "Salamino italiano alla cacciatora" dal 2001, riconosciuto dalla Comunit Europea, come prodotto DOP (Reg. CE 1778 del 07/09101) a conferma dell'importanza che questo insaccato riveste nell'ambito della tradizione e della qualit dei prodotti nostrani. !'area di produzione, oltre all'originario territorio lombardo, comprende le regioni di Abruzzo, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Marche, Piemonte, Toscana, Ven eto ed Umbria. Il disciplinare di produzione del Salamino DOP prevede, tra l'altro, che le carni utilizzate per la preparazione provengano esclusivamente da suini nati ed allevati nelle aree geografiche del Nord e Centro Italia, che ricadono nelle regioni previste dal disciplinare

 

Advertisement

Vi invitiamo a visitare:
media & sipario
Il salotto buono dell'informazione
TUSCIAMEDIA
Quotidiano della provincia di Viterbo
azione digitale
comunicazione e servizi it