Sei in: Home Erbe spontanee mangerecce Aspraggine
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Tuscia in Tavola

Ricette, curiosità, tradizioni gastronomiche

arte in cucina

Aspraggine

E-mail

il nome di alcune piante selvatiche annue, appartenenti alla famiglia delle Compositae, genere Picris, delle quali un soltanto ha qualche interesse dal pundo di vista gastronomico, la Normal 0 14 Picris hieracioides e P. echioides, o Aspraggine volgare. Sinonimo oggi pi accreditato: Helminthia echioides Gaertner) facente anche parte del gruppo di piante riunite dal punto di vista pratico sotto alla voce cicoria.

Nomi dialettali: Nord: Erba perosa; Centro: Aspraggine, Linguelle, Radicchio peloso; Spraggine, Raspraggine, Sprama, Spraina; Sud ed Isole: Amurgani, Asparedda, Aspiredda, Imbiscusa.

Botanica Questa pianta si trova dalle pianure alla zona sub-montana, nei campi e nei vigneti di tutta l’Italia. Presenta un breve fittone subito suddiviso in radichette. Al colletto si sviluppa una rosetta di foglie basali picciolate, lanceolate ed oblunghe nella parte terminale, ovate con margine intero o dentato. Dalla radice si sviluppa un fusticino alto fino a 1 mt. portante foglie simili a quelle basali, ma amplessicauli e orecchiute. Il fusto ascendente divaricato e ramoso dalla base, spigoloso, striato e rosso dalla base fino a un quarto della foglia, ricco di peli uncinati come le foglie. Nella parte terminale si sviluppano dei sottili peduncoli ascellari che portano i fiori gialli raccolti in capolini. Portamento (dal prostrato all’eretto) e pelosit densa e quasi pungente (ridotta e quasi subglabra) sono caratteristiche individuali. Prospera nell’areale dell’olivo dalle prime piogge autunnali fino a tutto l’inverno e la primavera inoltrata; negli incolti, al margine dei sentieri di campagna, nei campi a maggese dove la pianta pu avere dimensioni ragguardevoli e poche piante sono sufficienti per una buona padellata; comune in tutto il territorio nazionale, eccezion fatta per la Pianura Padana. Si raccoglie in inverno-primavera prima dello sviluppo dei fusticini.

In cucina Si utilizzano esclusivamente le rosette basali giovani. Si pu utilizzare anche da sola, per zuppe, minestroni, risotti o per farcire torte e focacce, ma pi spesso viene mescolata con altre cicorie o con altre erbe amare per migliorarne il gusto, rendendole pi gradevoli. Qualora la pianta si raccogliesse un poco setolosa sarebbe preferibile mangiarla lessata con le patate. Sulla costa romagnola, spesso le erbe che farciscono la piadina contengono aspraggine in gran quantit. Il suo uso molto diffuso al Sud, nelle miscele d’erbe che sono lessate e poi ripassate in padella con olio, aglio e peperoncino, ma essa anche un ingrediente delle tradizionali zuppe casalinghe del Centro Nord (prebuggion, minestrella).

alt


 

Advertisement

Vi invitiamo a visitare:
media & sipario
Il salotto buono dell'informazione
TUSCIAMEDIA
Quotidiano della provincia di Viterbo
azione digitale
comunicazione e servizi it