Sei in: Home Erbe odorose in cucina Rucola
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Tuscia in Tavola

Ricette, curiosità, tradizioni gastronomiche

arte in cucina

Rucola

E-mail

il nome di una piccola pianta erbacea, (Eruca sativa Miller) rappartenete alla famiglia delle Crucifere, genere Eruca, conosciuta anche con il nome dialettale di roccola, presente raramente allo stato selvatico, secondo alcuni addirittura assente, ma soprattutto coltivata negli orti; probabilmente deriva dallEruca longirostris, una variet spontanea presente solo nellItalia meridionale. Spesso viene confusa con la Diplotaxis erucoides, cos chiamata proprio perch somiglia alla rucola, avendo le foglie meno frastagliate della ruchetta. La rucola forma cespi di foglie commestibili, leggermente ruvide, ovaliformi; le foglie basali, di maggiori dimensioni, sono succose e aromatiche e, se strofinate, emanano un profumo gradevole e deciso. Se tagliate alla base, il cespo emette rapidamente foglie nuove, assicurando in questo modo una produzione continua e sempre fresca. Questa rucola, essendo meno piccante della ruchetta, ancora oggi molto usata in associazione col pomodoro, anche nella pizza alla marinara, ma soprattutto ha avuto un momento di gloria quando diventata di moda accompagnata con gli straccetti di carne, con il carpaccio di carne e di pesce, e con la bresaola, spesso unita anche con scaglie di parmigiano. Da alcuni anni, per, comparsa prepotentemente sul mercato la ruchetta coltivata (Diplotaxis tenuifolia), meno piccante rispetto a quella selvatica, che ha preso il sopravvento anche rispetto alla rucola. Purtroppo, per, in commercio non si riesce ad ottenere una diversa denominazione fra le due variet di verdure, per cui la confusione continua, senza speranza.




 

Advertisement

Vi invitiamo a visitare:
media & sipario
Il salotto buono dell'informazione
TUSCIAMEDIA
Quotidiano della provincia di Viterbo
azione digitale
comunicazione e servizi it