Sei in: Home CUCINA IN VERSI Erbarelle e faciole
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Tuscia in Tavola

Ricette, curiosità, tradizioni gastronomiche

arte in cucina

Erbarelle e faciole

E-mail

poesia in viterbese di Giuseppe Zena

Pe’ fa’ ‘sto piatto vecchio quanto ‘l cucco
bisogna arimedi ‘ste tipe d’erbe
finocchietto servatico e raponzole
foje de pastinache e de cipiccia
caccialepre, cicoria e peperone.
Pija ‘ntegame co’ ‘n dito e mezzo d’ojo
ce taje dentro ‘n po de spicchie d’ajo
poe lo mette sul foco a ‘nsapor
e quanno l’ajo cotto va buttato.
Poe pije l’erbarelle menzionate,
le trite tutte, e gi mall’ojo callo
che prima sfrigge e poe s’abbassa e bolle.
‘Ntanto che se sta a coce ‘st’erbarelle
prepare ‘n bel tegame ‘n po’ pi grosso,
co’ dentro l’acqua e ‘n pochetto de sale
poi le faciole messe nell’ammollo
accenne ‘l foco e falla ariscall.
Quanno che l’erbarelle se so’ cotte
le butte tutte dentro col faciole
che bolliranno ‘nsieme pe’ ‘n pochetto;
assaggia ‘l sale e spegne pure ‘l foco
e lassele ‘n tantino aripos.
Co’ ‘l pane abbrustecato messo sotto
sto piatto rustecano bell’e pronto;
Io mo ho finito, ‘nci da di’ pi gnente
sar ‘l tu gargarozzo a giudic.

 

Advertisement

Vi invitiamo a visitare:
media & sipario
Il salotto buono dell'informazione
TUSCIAMEDIA
Quotidiano della provincia di Viterbo
azione digitale
comunicazione e servizi it