Sei in: Home Bevande Acqua di Nepi
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size

Tuscia in Tavola

Ricette, curiosità, tradizioni gastronomiche

arte in cucina

Acqua di Nepi

E-mail

L’acqua di Nepi conosciuta fin dai tempi degli antichi Romani, infatti la famiglia dei Gracchi aveva costruito nei pressi delle sorgenti di Nepi un importante centro termale di cui sono ancora visibili i resti. Vari testi letterari dell’epoca indicano le Terme dei Gracchi, dove la famosa famiglia romana utilizzava a scopo termale le quattro sorgenti di acqua solfurea, magnesiaca, ferruginosa per la cura idropinica, come una delle pi importanti risorse termali del tempo. Le sorgenti si trovano in una zona protetta naturalmente ed incontaminata, lontana da ogni possibile inquinamento, grazie all’orografia del territorio e al microclima particolare. La zona di origine vulcanica conferisce a quest’acqua delle caratteristiche uniche, legate all’ineguagliabile equilibrio dei suoi componenti. Dal punto di vista chimico l’Acqua di Nepi, classificabile come acqua medio-minerale, con un residuo fisso di soli 569 mg/litro, quindi una perfetta e leggera “acqua da tavola”. Infatti, i principali componenti chimici che determinano le caratteristiche di un’acqua minerale sono il calcio, il potassio, il magnesio e il sodio, tutti elementi questi che nell’acqua di Nepi sono presenti in perfetto equilibrio, cos come percentualmente richiesti dal nostro organismo. La sua sottile e delicata effervescenza naturale, oltre ad influire favorevolmente sulle funzioni digestive, la rende un’acqua di gusto particolarmente gradevole ed unico. Per questo motivo l’Acqua di Nepi presente sulle tavole dei migliori ristoranti italiani e viene esportata anche all’estero. Nella fase dell’imbottigliamento la nostra acqua viaggia sempre in ambienti sterili e non viene mai a contatto con l'aria esterna. Le opere di presa e adduzione, gli impianti di imbottigliamento, i locali degli stabilimenti e l'intero ciclo produttivo sono stati riconosciuti idonei a mantenere le propriet presenti alla fonte anche nel prodotto finito. Le sorgenti e le opere di adduzione sono monitorate microbiologicamente 24 ore su 24 e tutto il ciclo produttivo costantemente sottoposto a controlli quotidiani su campioni prelevati ogni 2 ore dalla moderna catena di imbottigliamento. Oltre alle verifiche aziendali, l’acqua controllata periodicamente dagli Enti Pubblici preposti a questo compito specifico. L’Acqua di Nepi si trova in commercio in due tipologie, effervescente naturale, come sgorga dalla sorgente, e rinforzata con gas proveniente dalla sorgente stessa; confezionata in bottiglie di vetro di capacit da uno o due litri e nella nuovissima bottiglia in PET da litri 1,5, riservate soprattutto all’uso casalingo, oppure in eleganti bottigliette da 500 e 750 ml, adatte soprattutto per la ristorazione.

 

Advertisement

Vi invitiamo a visitare:
media & sipario
Il salotto buono dell'informazione
TUSCIAMEDIA
Quotidiano della provincia di Viterbo
azione digitale
comunicazione e servizi it